Rhapsody in blue

venerdì 12 marzo 2010

Conegliano: BIRELI LAGRENE

Bireli Lagrene, l’erede di Django Reinhardt In scena a Conegliano il 12 marzo nel centenario dalla nascita del grande maestro
Nel centenario dalla nascita, è dedicato ad uno dei più convincenti eredi di Django Reinhardt l’ultimo appuntamento di Veneto Jazz Winter a Conegliano.
Venerdì 12 marzo, al Teatro Accademia con inizio alle 21.15, è di scena il chitarrista francese Bireli Lagrene, accompagnato da Franck Wolf (sax) e Jurgen Attig (contrabbasso) .
Nato a Saverene nel 1966, a soli tredici anni era considerato un bambino prodigio che suonava in modo eccezionale la chitarra gipsy nella più pura tradizione di Django Reinhardt, di cui aveva imparato nota per nota moltissimi assolo.
Segnato anche dall’influenza di Wes Montgomery e George Benson, è comunque a Jaco Pastorius e i Weather Report che deve gran parte della propria emancipazione musicale.
A partire dal 1986, quando già aveva collaborato con partners del calibro di Stephane Grappelli e Larry Coryell, si butta a capofitto nell’avventura fusion, moltiplicando le esperienze e gli incontri.
Lo troviamo quindi al fianco di John McLaughlin, Paco de Lucia, Al Di Meola, Jack Bruce e Ginger Baker, per la reunion dei Cream con Stanley Clark, Miroslav Vitious, Lenny Whita, Mike Stern, senza contare due album registrati live con lo stesso Pastorius.
Negli anni Novanta, il disco “Acoustic Moments” rappresenta sia la perfetta sintesi di questo percorso sia una pausa prima della consacrazione ai classici che Bireli otterrà in “Standards” e con il “Live in Marciac” del 1994, osannati dalla critica.
L’ingresso di questo chitarrista nell’etichetta Dreyfus Jazz corrisponde al suo riconoscimento sulla scena nazionale e internazionale: Django d’oro nel 1993, Victoir e de la Musique nel 2001 per Front Page e ancora nel 2002 per “Gipsy Project”.
A 35 anni, dopo aver indagato tutti i fronti della chitarra moderna e collaborato con alcuni dei migliori jazz man francesi (Didier Lockwood, Richard Galliano, Sylvain Luc), all' apice della propria carriera decide di ritornare alla musica da cui tutto è iniziato.
E così , tra virtuosismi e profondità, Bireli Lagrene suona oggi la a musica di Django rimanendo se stesso e riconfermandosi uno dei più grandi eredi del maestro.
Biglietti: intero € 20 - Ridotto € 17Prevendite: circuito Boxoffice –
www.boxol.it - tel. 041 2719090
Informazioni: 0423 452069 –
www.venetojazz.comUFFICIO STAMPAQuinto Potere Comunicazioneufficiostampa@venetojazz.com
Mara Bisinella – cell. 339 6783954
PER INFORMAZIONI :Associazione Culturale Veneto Jazz Tel. 0423 452069 - e-mail jazz@venetojazz.com www.venetojazz.com

Nessun commento: