Rhapsody in blue

sabato 29 maggio 2010

MITO SettembreMusica: il programma dell'edizione 2010

Quarta edizione di MITO .
È stato presentato, con la consueta doppia conferenza stampa, il programma 2010 della rassegna che dal 2007 ha raccolto ed amplificato l'eredità del Settembre Musicale torinese. Continua dunque il gemellaggio musicale tra Milano e Torino, e tra Piemonte e Lombardia, e continua in grande stile nonostante la crisi finanziaria.
In particolare, il sindaco di Milano Letizia Moratti ha rivendicato in conferenza stampa l'impegno economico della giunta milanese che «contribuisce anche quest'anno, nonostante tutte le difficoltà, con 2.750.000 euro a MITO, scegliendo di non ridurre i suoi investimenti in ambito culturale e con la volontà di fare un regalo a tutti coloro che amano la musica».
Nei 21 giorni di programmazione - compresi tra il 3 e il 24 settembre - si manifesta ancora una volta l'anima di una manifestazione votata alla diversità: diversità di stili - dalla musica sinfonica all'elettronica, passando per jazz ed etnica -, diversità di linguaggi - oltre alla musica, il cinema e il teatro - e diversità di location, con più di 115 sedi pronte a ospitare gli eventi, divise tra centro e periferie cittadine.
Da notare che oltre ai capoluoghi di regione, il Festival porterà concerti anche a Brescia, Como, Monza, Lecco e nei comuni piemontesi di Bricherasio, Magnano, Rivoli, Venaria Reale, Moncalieri.
Un'altra novità importante dell'edizione riguarderà i sistemi di trasporto e collegamento tra i due centri urbani: innanzitutto la nuova linea dell'alta velocità ferroviaria tra Milano e Torino, che permetterà di spostarsi dall'una all'altra in appena un'ora; e poi un servizio di Navetta, operativo in entrambe le città, che faciliterà ulteriormente gli spostamenti tra le varie sedi.
Tanta musica dunque, «musica in tutti i quartieri, musica per tutti e musica gratuita, ma soprattutto musica come presidio sociale», come ha sottolineato ancora la Moratti, mettendo in evidenza che ben 116 dei 261 eventi in programma saranno ad ingresso libero, mentre per gli altri sono previsti prezzi popolari.
L'obiettivo di Milano è naturalmente quello di replicare, e se possibile superare, i numeri del 2009, che parlano di 115.000 presenze.
Entrando nel merito del programma, ci si accorge una voltà di più dell'ampiezza quasi spiazzante dello spettro delle proposte. Analizziamole per settore.
MUSICA SINFONICA
È da sempre il cuore del Festival, che quest'anno omaggerà in particolare Chopin e Schumann nel bicentenario della nascita: tra i concerti, doppio appuntamento - e programma differente nelle due città - con Maurizio Pollini; il ciclo Un'ora al giorno con Chopin e Schumann, con una schiera di giovani pianisti di talento internazionale; due concerti con il violino di Salvatore Accardo dedicati a Schumann; e, last but not least, l'inaugurazione del Festival, il 3 settembre al Teatro alla Scala, con Riccardo Chailly e l'Orchestra del Gewandhaus di Lipsia, ancora impegnati su musiche di Schumann.
Passando alla musica sinfonica contemporanea, il Festival proporrà un doppio ritratto dedicato ai due più importanti compositori tedeschi viventi: Helmut Lachenmann e Wolfgang Rihm.
Da segnalare anche il nuovo lavoro di Giorgio Battistelli e Franco Marcoaldi, una delle prime assolute di MITO 2010, che presenteranno una pièce teatrale che potra contare anche sul carisma e la qualità attoriale di Toni Servillo (il 19 settembre alle 21 al Piccolo Teatro Strehler).
I GENERI MUSICALI
Innanzitutto una valanga di nomi del jazz mondiale:
Billy Cobham (7 settembre al Blue Note) - forse il più importante batterista jazz fusion al mondo -, Chick Corea e Stefano Bollani, John Cale, Phill Niblock, Nicole Mitchell, Mina Agassi, Giovanni Falzone.
E poi il trio del pianista di Michele Di Toro (ancora al Blue Note, ma l'11 settembre) che proporrà un tributo a Oscar Peterson e Thelonius Monk.
La musica d'autore italiana sarà rappresentata niente meno che da Francesco Guccini, in concerto al Palasport Olimpico di Torino sabato 11.
E ancora, l'elettronica dei Motel Connection (sabato 4 al Circolo Magnolia), il rockabilly degli Heavy Trash (giovedì 9 al Tunnel), l'indie rock dei Mumford & Sons (venerdì 10, Teatro dell'Arte della Triennale), tutti in programma a Milano.
Infine, alla musica africana sarà dedicata un'intera giornata milanese del festival (lunedì 13, al Teatro Elfo Puccini), mentre la chiusura, il 24 settembre a Torino, sarà affidata all voce del mezzosoprano italiano Cecilia Bartoli.
FOCUS TURCHIA
La tradizione di presentare culture musicali lontane geograficamente e per sensibilità dalla nostra, si conferma nel 2010 con il Focus Turchia, incentrato su numerosi e assai differenti momenti di approfondimento.
I Giannizzeri, la banda militare dell'esercito turco, attraverseranno il centro di entrambe le città: vederli sfilare sotto la Galleria Vittorio Emanuele e di fronte al Duomo si preannuncia già come uno dei momenti più suggestivi e pittoreschi di tutta la rassegna (l'11 settembre, con partenza da Piazza San Babila alle 16); mentre i dervisci rotanti cantati da Franco Battiato saranno all'Allianz Teatro giovedì 9, a partire dalle 21.
E poi la musica di Kudsi Erunger, a mezza via tra la tradizioni bizantina e quella islamica, o la moda delle "turcherie", che influenzarono il lavoro di grandi compositori com Mozart e Beethoven tra il 1600 e il 1800.
Fino al cinema, con due rassegne, una retrospettiva dedicata al regista Fatih Akin (La sposa turca, Soul kitchen) e Crossing the bridge, più in generale dedicata agli autori turchi: quest'ultima si svolgerà interamente a Milano, con un programma che intersecherà quello del Milano Film Festival e proiezioni divise tra Cinema Anteo, Spazio Oberdan, Cinema Gnomo, Piccolo Teatro, Parco Sempione e Teatro Dal Verme (dal 9 al 16 settembre, tutte a ingresso gratuito).
Durante la presentazione del programma 2010 sono state date anche alcune significative anticipazioni sulle prossime edizioni.
Il direttore artistico della manifestazione, Enzo Restagno, ha annunciato che per l'anno prossimo è già in corso di sviluppo un percorso dedicato alla civiltà musicale di Haiti; inoltre, in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, all'interno di MITO saranno ospitate le esecuzioni di brani appositamente commissionati ai maggiori compositori contemporanei mondiali.
Infine, in prospettiva 2015, in concomitanza con l'Expo, è prevista una super edizione della durata di sei mesi, vera e propria colonna sonora dell'evento
GIORGIO VARO

http://milano.mentelocale.it/26855-mito-settembremusica-il-programma-dell-edizione-2010/

Nessun commento: