Rhapsody in blue

martedì 22 giugno 2010

Lino Patruno a Rimini Jazz


LINO PATRUNO

Rimini come New Orleans e Chicago.
 Una promessa a cui il 10° RIMINI JAZZ terrà fede con quattro giornate ricche di musica e della frizzante atmosfera che si respirava agli inizi del secolo scorso nelle riconosciute capitali del jazz. Si comincia mercoledì 23 giugno con una giornata-evento degna del Festival Internazionale del Jazz Tradizionale e Swing. La musica dal vivo rallegrerà la città fin dal mattino con Take the A(mbassador) train, ovvero l’Ambassador Marching Band in azione tra il centro storico e Marina Centro. Per tutta la giornata, e fino alla fine del Festival, al duoMo hotel la personale di Lisa Lazzaretti, giovane illustratrice riminese che ha creato l’evocativa immagine-guida del decennale di Rimini Jazz.

Nel pomeriggio l’atmosfera diventerà ancora più ruggente grazie all’aperitivo musicale dell’Embassy Jazz Station. Appuntamento alle 19 di fronte allo storico locale per ascoltare il concerto del jazz crooner Alberto Turis Quartet e sorseggiare rinfrescanti soft drinks. Una pausa ristoratrice e poi tutti pronti per il grande evento inaugurale. Alle 21,30 al Parco Fellini una produzione originale di Rimini Jazz in grado di accendere la magica notte del solstizio d’estate: Lino Patruno & His All Stars. Una selezionata formazione di sole stelle dell’hot jazz italico capitanata dal grande timoniere del jazz classico Lino Patruno che per questa serata avrà accanto a sé solamente grandi solisti.
Dodici eccellenti musicisti riuniti per la prima volta tutti insieme per dare vita all’inedito Jazz Contest Sud vs Nord. Come nella New Orleans degli anni d’oro le Cuttin’ Contest vedevano le orchestre jazz misurarsi in gare musicali in cui era il pubblico a stabilire l’esito, a Rimini i migliori solisti del Sud e del Nord Italia si fronteggeranno con i loro strumenti in funambolici assoli e gare di bravura. Una sfida entusiasmante che vedrà la cornetta di Michael Supnick misurarsi con la tromba di Fabrizio Cattaneo, il trombone di Alberto Collatina duellare sul pentagramma con quello di Checco Coniglio, il clarinetto di Gianni Sanjust fronteggiare a suon di note blu quello di Paolo Tomelleri e il sax tenore di Giorgio Cuscito duettare con il sax baritono di Carlo Bagnoli. Il tutto grazie al supporto di una second line formata da Lino Patruno (chitarra), Paolo Alderighi (pianoforte), Guido Giacomini (contrabbasso) e Riccardo Colasante (batteria), musicisti di grande levatura in grado di assecondare ogni intrepida incursione e ardita variazione che i contendenti improvviseranno per sorprendere e conquistare il pubblico.
Un jazz contest che sarà anche omaggio a uno dei grandi del jazz anni ’30: Eddie Condon, padrino del Chicago Style e traghettatore del dixieland nell’era moderna. A lui va infatti il merito, mai abbastanza riconosciuto, di aver saputo modernizzare lo stile Dixieland Chicago con intelligenza e gradualità senza alterarne l’essenza, agganciandolo al mainstream jazz per farlo sopravvivere all’ondata di piena del jazz d’avanguardia. Non meno importante il suo impegno per riunire all’interno delle proprie orchestre, in pieno clima di segregazione razziale, musicisti bianchi e di colore.
Il concerto Lino Patruno & His All Stars verrà riproposto integralmente giovedì sera (ore 21) da Stars-Radio.net (www.stars-radio.net) web radio riminese che trasmette musica jazz 24 ore su 24.
A rendere ancora più spumeggiante l’atmosfera del Parco Fellini sarà il Jazz Village dove il pubblico potrà farsi fotografare a bordo di auto anni ’20 in compagnia di ragazze flapper e gangsters, assistere ai concerti degustando una birra artigianale e prodotti tipici riminesi, vedersi regalare dall’Aeroporto Internazionale Federico Fellini un biglietto aereo per una capitale europea e contribuire al progetto per il nuovo day hospital oncologico di Rimini.
RIMINI JAZZ proseguirà fino a sabato con altri importanti appuntamenti: il tributo a Henghel Gualdi del sestetto guidato dai clarinettisti Alfredo Ferrario e Mauro Negri (24 giugno); la notte dixie & swing in compagnia dell’Ambassador Band (25 giugno) e l’attesa festa di compleanno di Rimini Jazz con la Classic Jazz Forum Orchestra e tante piacevoli sorprese (26 giugno).

Fonte http://www.altarimini.it/Lino_Patruno_a_Rimini_Jazz_24581.php

Nessun commento: