Rhapsody in blue

lunedì 28 giugno 2010

Milano : Wayne Shorter

Lunedì 28 giugno 2010
Teatro degli Arcimboldi
Inizio concerto 21:30
Wayne Shorter apre la tre giorni di Jazz a Milano
di Franco Fayenz
http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2010-06-28/jazz-concerti-milano-110100.shtml?uuid=AYKhf42B

Da molto tempo ormai la città di Milano è priva di un autentico festival di musica afro-americana, dopo la cessazione (nel 1990) di quello che veniva allestito ogni anno, al Teatro Ciak, dall'indimenticabile impresario Leo Wachter (si chiamava appunto «Festival Internazionale del Jazz Città di Milano»).
Succede adesso, alla fine di questo mese di giugno, che tre concerti di grande spessore si accostino casualmente nel volgere di tre giorni, in modo da rinverdire quel ricordo.

La casualità è evidente perché gli enti organizzatori e i luoghi sono diversi, e due dei tre concerti coincidono in modo che il pubblico interessato è costretto a scegliere; ma il piacere della sorpresa rimane.
 Arriva lunedì 28 alle 21.30 al Teatro degli Arcimboldi per la rassegna Il Ritmo delle Città il quartetto del sassofonista Wayne Shorter che propone il suo unico concerto italiano; per la medesima rassegna si esibisce mercoledì 30 all'Orto Botanico in via Valvassori Peroni 7, ore 21.30, il quintetto della violinista Regina Carter (che la sera seguente suona a S.Elpidio nelle Marche).
E qui c'è la coincidenza: mercoledì alla stessa ora, nel parco della Villa Arconati di Bollate, hinterland immediato di Milano, suona il gruppo del pianista Herbie Hancock che il 1° luglio è in programma anche all'Auditorium Parco della Musica di Roma e il 15 luglio a Perugia per Umbria Jazz. Vediamo i particolari. Wayne Shorter si presenta con Danilo Perez pianoforte, John Patitucci contrabbasso, Brian Blade batteria. Il quartetto è fra i più collaudati in attività, e può avvalersi delle pregevoli composizioni di Shorter che è come sempre un fertile ideatore di temi nuovi.

Nella presentazione del concerto i "magnifici quattro" vengono definiti fuoriclasse del jazz contemporaneo capaci di respirare all'unisono, nonché di portare la prassi dell'improvvisazione ai livelli delle formazioni storiche del jazz di cui raccolgono l'eredità con pieno merito. L'esclusività del concerto attira nel teatro milanese molti spettatori anche da lontano. La violinista Regina Carter, attesa due sere dopo all'Orto Botanico, non si è concessa molto, finora, al pubblico di Milano. Ma molti serbano ugualmente il ricordo di un suo eccellente concerto all'Auditorium con una formazione diversa dall'attuale che comprende Balla Tounkara kora, Will Holshouser accordion, Chris Lightcap basso e Alvester Garnett percussioni.

Nessun commento: