Rhapsody in blue

mercoledì 22 settembre 2010

Stagione jazz al Panic di Marostica

Panic Jazz


Un autunno di musicaJAZZ.
Si avvia a toccare la boa dei tre lustri la rassegna allestita al club di Marostica.
Da oggi fino a lunedì 20 dicembre ben ventisette le serate-concerto in programma.
Novembre troverà sul palco Mike Stern e Uri Flavio Boltro, uno dei trombettisti più interessanti dell’ultima generazione: il suo concerto oggi al Panic Marostica.
Si avvia a toccare la boa dei tre lustri, la stagione jazz al Panic di Marostica, e per l'autunno 2010 il club di piazza degli Scacchi prevede un calendario fitto di appuntamenti: da mercoledì 22 settembre a lunedì 20 dicembre sono infatti ventisette le serate in programma, tutte con inizio alle 22. Accanto ai concerti del mercoledì hanno infatti acquisito un peso via via maggiore anche gli appuntamenti domenicali, nel 2009 dedicati perlopiù ai giovani, e, quest'anno, per i vicentini appassionati di jazz ci sarà solo l'imbarazzo della scelta.
Si comincia mercoledì 22 col botto,anzi con il Boltro: Flavio Boltro, trombettista tra i più interessanti dell'ultima generazione, è una presenza fissa e sempre gradita al Panic. Sarà in trio con Leonardo Corradi (hammond) e Marco Valeri (batteria). Altro trio mercoledì 29, con Dado Moroni (piano), Marco Panascia (basso) ed Enzo Zirilli (batteria), per due concerti "made in Italy" di qualità certificata.
Nel calendario di ottobre sono da segnalare mercoledì 6 l'appuntamento con il Patrizia Conte Quartet, con Carlo Atti al sax come ospite d'onore, e domenica 17 il Dr Lonnie Smith Trio, con il bandleader all'hammond e, soprattutto, Jonathan Kreisberg alla chitarra. Per ampliare il panorama con linguaggi jazz frizzanti ed esotici, domenica 10 saranno al Panic "Les Manouches Bohemiens", un quartetto violino-chitarra-chitarra-basso, italianissimo a dispetto del nome, con Federico Zaltron, Michele Prontera, Nicolò Apolloni e Marco Penzo. Domenica 24, invece il palco del club marosticense ospiterà la "John Papa Boogie Blues Band": sette elementi per una serata a tutta energia.
Novembre aprirà, lunedì 1, con una star della chitarra jazz: Mike Stern sarà in trio con Alain Caron (basso) e Lionel Cordew (batteria). In più, accanto allo strumento del leader, è atteso il violino di Didier Lockwood per dipingere nuovamente di jazz gitano la serata. Lunedì 8, altro appuntamento di prima fascia con "The Dream-Team", una "squadra dei sogni" con Donny Mc Caslin al sax, Scott Colley al basso e Antonio Sanchez alla batteria, ma soprattutto Uri Caine (già apprezzato all'Olimpico) al pianoforte. Domenica 14, "Mariposa", una farfalla (secondo il significato del termine sapgnolo) dalle molte ali, con sette musicisti e quasi una big band. Mercoledì 17 il Cristophe Panzani Trio, con il leader al sax, Federico Casagrande alla chitarra e Ferenc Nemeth, altra presenza immancabile al Panic, alla batteria. Per non tralasciare le nuove frontiere del jazz, infine, mercoledì 24 il Leni Stern Africaquartet: Leni Stern alla chitarra-voce, Mamadou Ba al basso, Brahim Fribgane all'oud-dumbek e Harvey Wirht alla batteria. L'omaggio all'Africa arriva in calendario circa a un anno di distanza dal progetto della violinista Regina Carter: tanti e tanto intensi sono stati gli applausi nell'occasione che violini e africanità sono presenti anche per la prima parte della stagione 2010-2011, con l'augurio di incontrare lo stesso gradimento nel pubblico.
Ricco e segnato dai talenti di casa il mese di dicembre: mercoledì 1 Gianluca Petrella al trombone, in trio con Massimo Pupillo (basso) e Bobby Previte (batteria) e, a seguire, domenica 5 il Patrizia Laquidara Quintet, con la cantante berico-siciliana che all'approssimarsi del Natale non fa mai mancare la propria presenza a Marostica.
Si resta a Vicenza domenica 12 con Sabrina Turri e il suo "Regno di schiena unplugged": Vicenza pure mercoledì 15 con il "Michele Polga Quintet". Il sassofonista bassanese d'adozione, altro amico del Panic, avrà al suo fianco il fido Luca Mannutza al piano, Luca Bulgarelli al basso e Tommaso Cappellato alla batteria. Ospite d'onore Fabrizio Bosso alla tromba, per chiudere il cerchio con lo stesso strumento che ha aperto la stagione.
Il finale sarà come tradizione natalizio, in due serate a tutto gospel (domenica 19 e lunedì 20 dicembre) nobilitate dalla presenza di Massimo Faraò al piano e Sandro Gibellini alla chitarra e dedicate allo scambio degli auguri tra gli addobbi natalizi.
Lorenzo Parolin

http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Cultura%20&%20Spettacoli/185259_panic_jazzun_autunno_di_musica/

Nessun commento: